15K Nocturna de Valencia 2 giugno 2018

[Andre] Tra poco sarà il quarto anno che andiamo a farci un po’ di vacanze a Valencia, meravigliosa città dove ci ospitano meravigliosi amici, dove si sta bene e tranquilli, dove ci sentiamo a casa. In più, negli ultimi due anni, ho sempre sfruttato l’occasione per fare allenamento in un posto fantastico: “Il ‘Circuit 5K Jardí del Turia’ è già una realtà. Una corsia specifica per fare running, con 5.731 metri di un tracciato speciale per corridori e con numerosi vantaggi per gli utenti e amanti del running”. In ogni momento del giorno c’è sempre qualcuno che corre, come se fosse la cosa più normale del mondo, fontanelle ovunque, parchi giochi, campi da calcio, segnaletica dedicata e chi più ne ha più ne metta. L’anno scorso durante le mie sedute ho notato che molti indossavano una maglietta con scritto 15k Nocturna de Valencia e mi sono incuriosita. E’ così che ho scoperto questa gara, e quando ho visto che quest’anno si svolgeva il 2 giugno, ossia in un giorno per noi festivo, mi sono subito mossa per vedere se fosse possibile parteciparvi. Così a febbraio ho prenotato tutto, pure i nostri amici per aver un posto per dormire e i nonni bergamaschi, per poter lasciare Claudia. Sembrava una cosa così lontana e invece finalmente il 2 giugno è arrivato. Sveglia alle 6, treno alle 7, aereo alle 11 e alle 14 già mangiavamo le melanzane alla parmigiana di Enrico (melanzane al forno e non fritte, sai com’è… c’è la gara). Poi tutti a prendere il pettorale. Ogni tanto piove, ma la cosa non ci dispiace, anzi, la temperatura è pure gradevole. Si ritorna a casa per cambiarci, mangiare le ultime cose (stavolta gelatine che purtroppo non sanno di melanzane alla parmigiana) e riprendiamo il bus che ci riporta al porto. Comincia a vedersi un sacco di gente, tutta colorata come sempre e vediamo pure i top runner che si riscaldano, ma subito distogliamo lo sguardo per non ferire il nostro amor proprio. All’atto dell’iscrizione ci è stato chiesto il nostro tempo di gara senza particolari verifiche. Samuele parte nella griglia gialla e io in quella verde, subito dietro. Verso le 22 ci diamo appuntamento in un punto preciso dell’arrivo, ci salutiamo e raggiungiamo la nostra griglia. Lo speaker ci gasa parecchio con la musica alternata alla scansione dei minuti che mancano alla partenza. Finalmente si parte e ovviamente le voci che sento sono tutte spagnole e da quel che capisco cazzeggiano, come succede in tutte le gare che ho fatto finora. Il percorso è meraviglioso, strade larghe ben illuminate, gente che ci applaude e ci urla “Animo campeones”. C’è pure Darth Vader con la spada laser che ci incita, senza però usare la forza… Arrivati all’altezza de las Torres del Serrano si fa il ponte e si corre dalla parte opposta sempre lungo il Rio Turia per raggiungere il cuore della città. Ormai un po’ la conosco Valencia, ma correrci di sera ha un fascino veramente indescrivibile. Arrivati alla Plaza del Ayuntamiento trovo Georgia coi bambini che mi fanno il tifo e corrono un pezzetto di strada con me: risultato, quello sarà il km col tempo migliore! Giriamo in calle Colón, superiamo Plaza de Toros e passiamo vicino alla stazione. Casualmente mi trovo in mezzo a due ragazze e una signora ci grida “Poder a las chicas”. Ritorniamo su una via bella larga e alberata, torniamo a costeggiare il rio Turia e passiamo il Puente de Monteolivete che attraversa la Ciudad de las Artes y las Ciencias. Ormai siamo al 13° km, la stanchezza lascia il posto alla consapevolezza di essere quasi arrivati, e infatti alla fine de l’Avenida de Francia aumenta il pubblico. “Ya en los metros finales, el calor del público marcará la cuenta atrás de cara a llegar a la meta, que estará situada en el mismo punto que el inicio de la prueba, en la Avenida Ingeniero Manuel Soto”. El Puerto de Valencia ci ridà il suo benvenuto e finalmente sono arrivata. Un fiume di persone continua ad arrivare anche dopo che ho preso il mio pacco ristoro, la mia birra, ho raggiunto Samuele e ci siamo cambiati al volo per ritornare a casa perché purtroppo  ricomincia a piovigginare. La serata però è comunque bella e rifacciamo il giro del bus a piedi e, nonostante siano alcuni km, ci rilassiamo e vediamo pure i fuochi artificiali sullo stesso ponte da cui eravamo passati poco prima. Il giorno dopo è già ora di partire, sapendo però che ci ritorneremo a luglio e che anche noi avremo la maglia della 15k Nocturna de Valencia, mica paella e fichi!

[SAM] Avevo in mente la mezza o la maratona di Valencia. La 15K Nocturna invece non l’avevo proprio presa in considerazione. Eppure, a “Valencia Ciudad del Running”, se vi fate una corsetta nel Turia, il fiume “verde” di Valencia dove migliaia di runner tutti i giorni percorrono km, la t-shirt 15K Nocturna è ovunque. D’altra parte i partecipanti sono circa 7000. E nello spirito Valenciano, vuoi perchè si corre di sera, vuoi perchè si gira sempre in città, è stato come correre in mezzo ad una festa, circondati da un pubblico che fino all’ultimo km ha cantato e sostenuto tutti i runner. […]

Facebook Comments

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *